10 Libri da Regalare a Natale – A Chi Legge e Non

Buon venerdì e ben tornati/e sul blog!

Buona Immacolata tra l’altro, e come sempre rigorosamente in ritardo, bene.

Diamo il via a queste feste natalizie dopo l’8, si sentono arrivare da lontano ormai e infatti nell’articolo di oggi parleremo di dieci libri che vi consiglio per qualche regalo natalizio.

Questa è una tipologia di articolo che ci tengo a riportare ogni anno sul blog, cambiandola magari a tratti, e mi piace anche sempre pensare a chi non legge, perché non so voi, ma io sono piena di parenti e amici che non leggono e come sempre io ci provo, non mollo, nel regalare qualche libro che potrebbe risvegliare o accendere la passione per la lettura.

Ci tengo a specificare che questi libri possono essere ovviamente adatti come regali natalizi, ma anche no, non sono libri sul Natale o specifici ambientati a Natale (a parte uno), possono essere adatti come regali o auto-regali per tutto l’anno.

Ho cercato di trovare libri adatti a vari gusti, ripensando anche a quelli che ho letto io quest’anno o negli anni scorsi.

Quindi oggi parleremo di dieci libri che spaziano tra vari generi, adatti a varie tipologie di lettori e non lettori.

Iniziamo!

Racconti di Natale – Charles Dickens

Link all’acquisto: QUI

Scritti tra il 1843 e il 1848, i “Racconti di Natale” costituiscono uno straordinario spettacolo narrativo metafisico e magico. Con le sue storie animate da fantasmi, folletti e fate, Dickens affida alla scrittura il compito di rappresentare la qualità mutevole e fluttuante del reale, dimostrando la labilità del confine tra vero e apparente, la difficoltà di definire ciò che gli occhi vedono, di comprendere ciò che le parole dicono. Come nei romanzi, anche qui l’autore svela l’altra faccia del mito del progresso, ritraendo l’Inghilterra della disoccupazione e del malessere sociale, Londra con le sue case fatiscenti e le sue strade degradate; la vita raffigurata non è però mai talmente cupa e disperata da non consentire spazi al sorriso o alla risata liberatoria, al comico e al grottesco. Dickens progetta le sue utopie natalizie, facendo ravvedere gli indifferenti e i malvagi e, grazie all’intervento di spiriti benevoli, agli umili è consentito il lieto fine, in stanze rallegrate dall’agrifoglio, davanti a tavole finalmente stracolme di cibo.

Questo libro raccoglie la cinquina di racconti natalizi di Dickens, un regalo perfetto per chi ama i classici o ha amato magari “Il Canto di Natale”, ma non ha mai letto gli altri quattro racconti dell’autore, facenti parte della cinquina di racconti scritti da Dickens sul Natale. Un regalo di certo perfetto e d’atmosfera, forse questo è uno dei libri più soddisfacenti da regalare, perché non si sbaglia con Dickens e molti appunto conoscono il più famoso dei suoi racconti, ma gli altri sono più in ombra e non è detto che la persona a cui farete il regalo abbia letto gli altri quattro. Purtroppo non è disponibile in commercio un’edizione illustrata o più “scenica” di questa edita Newton, ma qui appunto potete trovare tutti i racconti in edizione integrale. Un altro regalo interessante potrebbe essere l’edizione in copertina rigida e illustrata de “Il Canto di Natale” (questa), che non ho voluto inserire in uno spazio dedicato perché ho già citato questo testo 13’000 volte e forse rischierei di essere un poco ripetitiva.

Storie Di Fantasmi del Giappone – Lafcadio Hearn, Benjamin Lacombe

Link all’acquisto: QUI

Illustrando il celebre compendio del folklore giapponese, Benjamin Lacombe offre un tributo al lavoro di Lafcadio Hearn. All’inizio del Novecento, lo scrittore irlandese fu uno dei primi occidentali a ottenere la cittadinanza giapponese: l’amore per la cultura della sua nuova patria lo portò a percorrere le varie province del Paese, al fine di trascrivere le storie di fantasmi e le leggende tramandate di generazione in generazione. In “Storie di fantasmi del Giappone” Benjamin Lacombe sceglie lo stile adatto a ogni racconto, reinterpretando l’ampia gamma del bestiario tradizionale con la sua inimitabile arte. In appendice al volume, alcuni giochi ispirati a quelli tradizionali permettono d’inventare la propria leggenda di yokai. La presente edizione, a cura di Ottavio Fatica, riprende parte dei testi da lui tradotti per Adelphi nella raccolta Ombre giapponesi, completandola con altri, qui proposti per la prima volta al pubblico italiano.

Titolo adatto da regalare agli amanti del Giappone, dei fantasmi, delle illustrazioni più che stupende e dei libri gioiello come questo. Questo testo edito Ippocampo, come il suo recente fratello (Spiriti e Creature del Giappone), sono regali perfetti. Ho letto questo libro a novembre e a parte aver amato le magnifiche illustrazioni di Benjamin Lacombe, mi sono innamorata dello stile di Lafcadio Hearn, ipnotico, poetico, profondo. Il libro è suddiviso in racconti/storie/leggende che variano dalle 4-5 pagine alla decina circa, massimo. E’ un libro adatto anche a chi non legge solitamente perché queste storie si possono gustare ogni tanto, sono storie slegate l’una dall’altra che si leggono individualmente. Inoltre è un libro anche stupendo da esporre in libreria per chi ci tiene ad avere una libreria di bell’aspetto diciamo e in più le storie all’interno sono emblematiche della cultura giapponese e tutte affascinanti.

Il Museo del Mondo – Melania G. Mazzucco

Link all’acquisto: QUI

Ogni quadro, ogni opera, che sia stata vista in una chiesa, in un museo o esposta in una mostra, lascia qualcosa a chi la guarda. E ogni incontro fortuito può tramutarsi in una vera e propria passione, in un dialogo nel tempo, in una scoperta o riscoperta. In ogni caso è l’inizio di un’avventura. Create per fede o per soldi, per mestiere o per amore, le opere d’arte che Melania Mazzucco non è mai riuscita a dimenticare abbracciano cinque continenti, dall’antichità ai giorni nostri. Concepite come amuleti, preghiere o bestemmie, da uomini e donne, cacciatori e stregoni, assassini e santi, illetterati e intellettuali, nessun museo reale riuscirebbe mai a contenerle. Da Ad Parnassum di Paul Klee a Susanna e i vecchioni di Artemisia Gentileschi, da Lirica di Vasilij Kandinskij al Cane di Francisco Goya, dalla Lattaia di Vermeer alle Cattive madri di Segantini, dalle Aringhe affumicate di Vincent Van Gogh alla Madonna dei Pellegrini di Caravaggio, e via via attraverso Beato Angelico, Burne-Jones, Bacon, Monet, e altri. Fino ad arrivare ai piedi della scala, dai gradini luccicanti d’oro, della Presentazione di Maria al Tempio di Tintoretto. Una selezione «crudele» (senza seguire un ordine cronologico, né geografico, né tantomeno un inutile canone) che offre al lettore la possibilità di incontrare quelle opere che diventano presenza, specchio di un pensiero, indelebile emozione, scintilla di significato del mondo.

Libro perfetto da regalare a chi è appassionato/a di arte o vuole avvicinarsi a questa. E’ un libro edito Einaudi in cui l’autrice ha selezionato 52 opere d’arte, concentrandosi sulla pittura, quindi quadri, tavole, affreschi, graffiti ecc. Per ogni opera, che potete trovare sempre riportata a colori in una pagina, con un’ottima qualità, ci saranno tre massimo quattro pagine di commento della Mazzucco, in cui l’autrice racconterà dell’autore, dell’opera e del suo significato, della storia dietro ad essa e altro, sempre mantenendo uno stile più che piacevole e scorrevole. Sto leggendo ora questo libro lo sto davvero adorando!

Poesie d’Amore – Nazim Himket

Link all’acquisto: QUI

Una poesia d’amore è, per Nâzim Hikmet, un nucleo di emotività e di pensiero in cui occorre fondere tutti gli aspetti della vita. Poeta d’amore e contemporaneamente poeta di battaglie, la forza dei suoi versi, lontanissimi dal cliché del lirismo erotico, risiede proprio in un’inesausta partecipazione a tutto ciò che accade nel mondo. È così che, in un dettato poetico incandescente, nato dall’incontro tra dolcezza orientale e moderna asprezza dei ritmi occidentali, due culture e due modi di vivere si uniscono, in composizioni d’amore che sono sintesi magnifiche di due facce – quella lirica e quella epica – della personalità di Hikmet e di ogni uomo.

Volete regalare un libro a qualcuno che aspira ad avvicinarsi alla poesia o ad una persona speciale per voi? Questa raccolta di poesie di Hikmet è il regalo perfetto. C’è anche un’edizione Mondadori che raccoglie altre poesie di Hikmet (Poesie d’amore e di Lotta) e ha una grafica assolutamente meravigliosa, ma se la persona a cui volete regalarlo non ha mai letto nulla di Hikmet io vi consiglio prima questa edizione mostrata in alto. Hikmet è struggente, profondo, diretto, le sue poesie d’amore sono intense e possono attrarre anche chi non ha familiarità con la poesia.

Rosso nella Notte Bianca – Stefano Valenti

Link all’acquisto: QUI

Valtellina. Novembre 1994. Il settantenne Ulisse Bonfanti attende Mario Ferrari davanti al bar e lo ammazza a picconate. E, alla gente che accorre, dice di chiamare i carabinieri, che vengano a prenderlo, lui ha fatto quello che doveva. Erano quarantotto anni che Ulisse mancava da quei monti. Dopo avere lavorato tutta la vita con la madre Giuditta in una fabbrica tessile della Valsusa, è tornato e si è rifugiato nella vecchia baita di famiglia, o almeno in quel che ne è rimasto dopo un incendio appiccato nel 1944. Non un fiato, non un filo di fumo, non una presenza tutto intorno. In questo abbandono, tormentato da deliri e allucinazioni, Ulisse trascorre l’ultima notte di libertà: riposa davanti al camino, cammina nei boschi, rivive la tragedia che ha marchiato la sua esistenza. Dimenticato da tutti, si rinchiude come un animale morente in quella malga dove nessuno si è avventurato da decenni. I ricordi della povertà contadina, della guerra, della fabbrica, delle tragedie familiari, si alternano in una tormentata desolazione. Una desolazione che nasce dal trovarsi nel paese dove, nel 1946, è morta la sorella Nerina. È la stessa Nerina a narrare quanto accaduto. Uno di fronte all’altra, la neve sullo sfondo, Ulisse e la giovane sorella si raccontano le verità di sangue che rendono entrambi due fantasmi sospesi sul vuoto della Storia.

“Rosso nella Notte Bianca” è un libro adatto a chi vuole leggere un romanzo che tratti di eventi storici realmente accaduti in Italia, è un libro ambientato per la maggior parte nel 1944 che a tratti torna ad un passato più recente, quello del 1994. E’ un libro breve, ma decisamente forte e d’impatto che ci riporta in un paese, il nostro, l’Italia, sconvolto dal fascismo e Valenti mostra il lato più violento, crudo, amaro, rabbioso di questo. Ho amato questa lettura, ne parleremo nei prossimi mesi in una recensione approfondita, ma nonostante lo stile particolare a tratti con cui è scritto io non posso far altro che consigliarlo vivamente.

La Trilogia dei Colori – Maxence Fermine

Link all’acquisto: QUI

Tre colori, tre favole piene di poesia e di emozioni. La prima storia, “Neve”, è bianca e riposante, come la neve e l’Asia che la ispirano. Yuko è un giovane poeta giapponese. Nei suoi haiku sa cantare solo lo splendore e la bianchezza della neve. Soseki è un anziano pittore divenuto cieco che vive nel ricordo di un amore perduto. Neve è una ragazza bellissima. Il suo corpo giace per sempre tra i ghiacci. A legare i loro destini, un filo, disperatamente teso tra le cime di due montagne, come simbolo di un esercizio funambolico impossibile da eseguire. “Il violino nero” è la seconda storia, nera come le note del pentagramma, inquietante come l’atmosfera di una Venezia silenziosa ma percorsa da echi della coscienza e dei desideri. Un giovane genio coltiva l’ambizione di “mutare in musica la propria vita”. Una donna misteriosa esprime in un canto dalle divine sonorità la profonda innocenza della sua anima. Un anziano liutaio ha creato uno splendido violino, nero come gli occhi e la chioma di quella donna. “L’apicoltore”, la terza storia, ha il colore dell’oro come il sogno folle di un giovane che dal Sud della Francia parte per l’Africa. Aurélien cerca in ogni cosa l’oro della vita, ossia la bellezza, la magia, il colore caldo del sole, ed è incantato dalle api, “che possono morire d’amore per un fiore”. Dopo infinite avventure farà ritorno a casa per scoprire dentro di sé il seme di un puro amore per l’unica donna che lo ha da sempre aspettato, piena di fiducia e speranza.

All’inizio volevo parlare solo del secondo volume della trilogia, “Il Violino Nero”, libro che potrebbe essere perfetto da regalare a chi ama la musica o suona il violino perché parla proprio di un violino e dell’amore per la musica, ma alla fine ho pensato “perché non portare il volume che contiene tutta la trilogia dei colori?”. Maxence Fermine è uno scrittore dallo stile piuttosto vivido e pulito, io ho letto i primi due della trilogia e mi sono piaciuti, manca solo il terzo, “l’Apicoltore”, ma anche se questi libri sono stati collegati in una trilogia possono anche essere letti in modo individuale. E’ piuttosto conosciuta come trilogia, ma io credo sia sempre un ottimo regalo, c’è la musica, l’arte, la poesia, l’amore, la giovinezza… insomma tutto.

Mary e il Mostro – Lita Judge

Link all’acquisto: QUI

Questa è la storia di come un’adolescente incinta e fuggita da casa sia diventata una delle più famose scrittrici di tutti i tempi. Mary Shelley aveva solo sedici anni quando ha lasciato la sua famiglia per seguire il proprio cuore e l’uomo che amava. Credeva nel “libero amore” e nel diritto di ogni donna di vivere la vita che desidera. Ma era una mossa azzardata per una donna del suo tempo. Osteggiata dalla società e rinnegata dalla sua stessa famiglia, ha dovuto affrontare da sola la perdita della sua bambina, morta a pochi giorni dalla nascita. Ma Mary non si è arresa. Ha riversato tutto il suo dolore, la sua angoscia e la sua passione nella creazione del suo capolavoro, “Frankenstein”, un romanzo di una forza straordinaria, letto e amato ancora oggi, a due secoli di distanza. Con la narrazione in versi liberi e le oltre trecento pagine di splendide illustrazioni ad acquerello, “Mary e il mostro” è un incredibile tributo a una donna forte e appassionata e all’incancellabile segno che ha lasciato nel mondo.

Bellissimo libro illustrato perfetto anche da regalare ai/alle ragazzi/e. In questo libro magistralmente illustrato Lita Judge racconta la storia di Mary Shelley, autrice dell’amato “Frankenstein”. L’autrice non risparmia gli spazi dedicati agli eventi tragici della vita dell’autrice, che sono stati parecchi, molti legati alla morte. Un libro drammatico e vivido che ci riporta un quadro umano di un’autrice immortale.

Il Richiamo di Cthulhu – H. P. Lovecraft

Link all’acquisto: QUI

Il maestro Gou Tanabe torna a rileggere l’opera lovecraftiana cimentandosi con uno dei racconti più celebri e iconici del maestro dell’orrore di Providence: Il richiamo di Cthulhu. Francis Wayland Thurston rinviene i diari e i documenti del suo defunto prozio, morto in quello che in apparenza fu un incidente. È l’inizio di un viaggio che condurrà Thurston verso un’avventura inquietante che sconvolgerà per sempre la sua esistenza e la sua cognizione dell’universo.

Per i fan di Lovecraft un’edizione stupenda de “Il Richiamo di Cthulhu” con una copertina effetto pelle delle tavole stupende. E’ la versione del capolavoro di Lovecraft disegnata dal famoso disegnatore giapponese Gou Tanabe. Si trovano molte edizioni meravigliose dei capolavori dell’autore, ma questa sarà senza dubbio un regalo vincente.

Cattedrale – R. Carver

Link all’acquisto: QUI

A volte anche una visita inattesa e poco gradita – quella di un amico cieco della moglie, per esempio – può smuovere emozioni dimenticate. E cosi, infatti, che il narratore del racconto che dà il titolo alla raccolta – forse il più celebre di Carver e uno dei più amati dall’autore – finisce per passare quasi senza rendersene conto dall’iniziale ostilità condita di gelosia al momento di una piccola rivelazione. È un personaggio carveriano a tutti gli effetti, l’anonimo protagonista del racconto: sottilmente alla deriva, privo di amici, inchiodato in un lavoro che detesta, con una moglie da cui forse si sente un po’ trascurato. Eppure, è proprio la presenza ingombrante del cieco Robert a costringerlo a uscire dalla sua corazza e abbozzare un rapporto umano, una condivisione che gli permetterà di recuperare, forse, una parte di sé dimenticata. Carver ne segue l’impercettibile evoluzione con naturalezza, con uno stile maturo e consapevole dei propri mezzi, da lui stesso definito “più pieno e generoso”. Se “Cattedrale” chiude la raccolta su una tenue nota positiva, nel resto del libro prevalgono i toni desolati, i fragili equilibri pronti a spezzarsi in conseguenza di eventi all’apparenza secondari: un nuovo trasloco in “La casa di Chef”, l’atto mancato di una riconciliazione impossibile in “Lo scompartimento”, l’inizio di una crisi senza apparenti vie d’uscita in “Vitamine”, in cui nella deriva personale fa irruzione la violenza della storia.

Abbiamo parlato di questa raccolta di racconti qualche mese fa, in questa recensione. E’ una meravigliosa raccolta, emblematica dello stile di Carver e della letteratura americana per un autore simbolo di questa e dell’arte del racconto. Ottimo regalo per un’appassionato/a di letteratura americana e racconti, ma Carver è sempre Carver.

E’ come ultimo consiglio vi suggerisco di dare un occhio alla collana BUR Deluxe dedicata ai classici. Forse ne avevamo parlato anche in passato, ma i classici di questa collana sono illustrati e tradotti meravigliosamente, sono sempre edizioni graditissime secondo me. Abbiamo Frankenstein, I Fiori del Male, Cime Tempestose, Il Libro della Giungla e molti altri!

Bene! E voi? Quali libri vorreste ricevere per Natale? Fatemi sapere!

A presto!