PoetryTime

Da “Sala D’Aspetto”

 

Sei il mio ordine e l’apertura,
a un mare artico d’inverno
falsa primavera, scura e
dolente di ghiacciati
pensieri a puntellare l’aria,
bosco appassito
del nostro affetto perduto.

Fabrizio Cavallaro